Regolamento condominiale Modena

Mettere tutti d’accordo

Mettere tutti d’accordo gli inquilini di un condominio è un’ impresa assai ardua. Per limitare episodi di malcontento tra i condomini, nel nostro studio vengono redatti regolamenti condominiali che disciplinano l’uso e le modalità di godimento a seconda delle necessità del condominio e della sua struttura, quale legge interna al fabbricato per migliorare la convivenza e garantire a tutti lo stesso identico utilizzo e godimento. Quando in un edificio il numero dei condomini è superiore a 10 deve essere formato il regolamento di condominio art 1138 c.c.

 
 
 

Spazi comuni

Nei condomini e nei nuclei abitativi gli spazi comuni sono diversi e includono aree come l’atrio, il giardino, i parcheggi, le scale, i pianerottoli. La gestione di queste zone spesso può creare degli screzi tra i condomini. Per questo motivo all'interno dello Studio Bevini cerchiamo di trovare il sistema più confortevole per risolvere le controversie tra gli inquilini, regolamentando l’uso di detti spazi. I regolamenti redatti sono studiati sulla base delle normative vigenti per un corretto uso paritario dei servizi e spazi comuni.

 
 
 

Realizzazione dei regolamenti

Il regolamento condominiale viene stilato sulla base delle esigenze di tutti i condomini. Il nostro studio cerca di soddisfare le esigenze di ognuno e laddove non sia possibile, cerca di trovare un accordo tra le diverse parti per accontentarle entrambe. Dopo che i regolamenti sono stati redatti i testi vengono sottoposti all'attenzione dei proprietari dei singoli appartamenti per poi assumerne la delibera di approvazione in assemblea.

 
 
 

Tabelle millesimali

Il nostro team di professionisti esterni redigono le tabelle millesimale complete di relazione per la loro composizione. Questo tipo di documento viene realizzato per rappresentare il valore, espresso in quota millesimale, di un appartamento rispetto all’intero edificio. Le tabelle millesimali sono dei documenti fondamentali per l’amministrazione dei condomini poiché rappresentano lo strumento attuativo più importante per gestire la divisione delle spese ordinarie e straordinarie, ma soprattutto per la costituzione delle assemblee e le maggioranze assembleari.